Domanda di disoccupazione, cosa cambierà nel 2019


Domanda di disoccupazione




La domanda di disoccupazione consiste nel richiedere un’indennità riconosciuta dallo Stato attraverso l’Inps. In questo caso è possibile inoltrare domanda di disoccupazione solo nel caso in cui la perdita del lavoro sia avvenuta in modo involontario oppure per via di un licenziamento successo collettivamente. Anche le dimissioni per giusta causa oppure durante la maternità rappresentano un motivo per inviare la domanda di disoccupazione.

Nel 2019, i requisiti saranno quelli sopracitati e sarà necessario seguire uno specifico iter per ottenere in seguito l’indennità. Attraverso l’Inps sarà necessario in primo luogo dichiarare di non avere un lavoro e rendersi disponibili a svolgere una qualunque attività lavorativa che possa esserci assegnata dal Centro d’Impiego. Una volta presentata la domanda, la persona in questione deve rivolgersi al Centro d’Impiego di riferimento entro 15 giorni, altrimenti tale richiesta sarà scaduta.

Chi può fare domanda di disoccupazione

Infine, nel 2019 per avere diritto alla disoccupazione sarà indispensabile dimostrare di aver versato almeno 13 settimane di contributi nei 4 anni che precedono il 2019 o il momento, in generale, in cui abbiamo avanzato la domanda di disoccupazione. Un altro requisito per poter fare la domanda, infine, è quello di aver lavorato per almeno 30 giorni nei precedenti 12 mesi al momento della richiesta.

E’ necessario, per poter fare la richiesta, essere in possesso delle ultime due buste paga, del proprio documento di identità, del modulo per la domanda NASPI e della lettera di licenziamento oppure con la quale si attesta la fine del contratto.




L’indennità si riceve dopo che l’Inps analizza la nostra richiesta e la approva; ovviamente, a causa di problemi burocratici, può volerci anche diverso tempo perché poi tale indennità venga accreditata sul nostro conto bancario e per questo motivo è anche consigliabile scegliere il periodo più adatto: nel periodo successivo a quello estivo o invernale l’Inps registra un picco di queste proposte.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.