Le professioni più richieste del 2019 e 2020


Le professioni più richieste del 2019 e 2020




Stando alle ultime statistiche possiamo dire che nei prossimi anni sia aziende private che aziende statali assumeranno circa 780 mila persone, con determinate skills e conoscenze e senza ombra di subbio  che avranno alle loro spalle una laurea. Le principali assunzioni verranno fatte nei settori di sanità, economia, ingegneria ed ambiente. Quindi come possiamo vedere nei prossimi anni scenderà drasticamente l’assunzione di personale che avrà una qualifica di scuola dell’obbligo, infatti si stima che queste assunzioni si fermeranno a sole 900 mila. Un bene, un male? Senza dubbio chi investe ha bisogno di figure con precise conoscenze e predisposizione.

Quali saranno le professioni più richieste?

Ovviamente nel biennio 2019 e 2020 le circa 3 milioni di assunzioni che si faranno non sono tantissime pensando al tasso di disoccupazione che c’è nel nostro paese ma ovviamente sono sempre nuovi posti di lavoro. Queste stime naturalmente sono fatte sulla base della situazione economica attuale che sta attraversando la nostra nazione. I profili professionali che potrebbero entrare a far parte del mondo del lavoro sono legati ai settori tecnico-scientifici.

Ovviamente usiamo il condizionale in quanto per il momento queste cifre sono solo delle previsioni fatte per i prossimi anni e puramente aleatorie. Tra le figure professionali più richieste troviamo ingegneri, progettisti elettronici e industriali, specialisti nelle scienze della vita e della salute come farmacisti, medici, ricercatori farmaceutici, agronomi. Ma anche il settore dell’informatica e della chimica troveranno delle nuove figure professionali.

E gli esodati e chi è fuori età?

Queste previsioni ovviamente fanno ben sperare ma allo stesso tempo mettono di mal umore




moltissimi disoccupati che sono in attesa di un posto di lavoro e che al momento non sono in possesso

di requisiti come laurea o diploma. Che fine faranno questi disoccupati che sono la maggioranza? Questi ultimi potranno sempre trovare impiego, ma allo stesso tempo più tempo passerà più sarà difficile trovare un posto di lavoro.

Un discorso a parte va fatto per chi è fuori dal mercato del lavoro, parliamo degli esodati ad esempio, di chi ha superato l’età “appetibile” per le aziende, spesso persone con un alto potenziale di conoscenza ma che purtroppo non sono più “gestibili”. Occorre in questo senso un investimento da parte del governo per permettere il rientro nel mondo lavorativo degli “over” spesso con famiglia, casa e purtroppo debiti da coprire.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.