Le novità per le start up del 2019


Le novità per le start up del 2019




Durante l’ultimo consiglio dei ministri che si è tenuto qualche giorno fa è la discussione fatta sulle start up e sulle piccole medie imprese del 2019.  Nelle moltissime discussioni si è parlato anche delle esigenze per semplificare e ridurre al minimo gli oneri per le start up. Infatti proprio per questo moltissimi nuovi imprenditori potrebbero aprire nuove aziende in quanto ci saranno meno obblighi e oneri informativi con un ribasso delle procedure per costituire delle società con capitali. Ad esempio le aziende che investiranno nel blockchain avranno a disposizioni dei prestiti per avviare le loro attività.

Le novità per le aziende nel 2019

Inoltre per le piccole imprese ci saranno dei provvedimenti fiscali agevolati come ha riportato il ministro dell’economia Giovanni Tria. Tutti le start up che verranno avviate da imprenditori che avranno meno di 35 anni potrebbero accedere alla mini Flat tax con uno sconto del 5%. Per le start up innovative ci saranno nei finanziamenti agevolati. Stando alle ultime notizie per le nuove start up verranno stanziati circa 3 miliardi di euro.

L’obiettivo del governo è quello di estendere il tutto anche ai lavoratori autonomi, Snc, Sas e Srl che opteranno per il regime di trasparenza con ricavi fino a 65000 mila euro. Invece per tutti quelli che andranno sopra i 65 mila euro fino ad un massimo di 100 mila euro pagheranno un 5% addizionale.

Quindi come possiamo vedere i regimi fiscali saranno davvero molto agevolati per le nuove start up che
apriranno nel prossimo anno, ma allo stesso tempo ci saranno insieme all’apertura di nuove aziende
anche nuovi posti di lavoro che potranno far diminuire il tasso di disoccupazione nel nostro paese che
anno dopo anno cresce sempre di più.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.