Lavoro domestico in nero, attenzione alla vertenza


Lavoro domestico in nero, attenzione alla vertenza




La vertenza lavoro può essere uno strumento fondamentale per combattere il lavoro nero. Negli ultimi mesi le cronache hanno parlato spesso di lavoratori o lavoratrici domestiche che continuavano a svolgere la loro professione in nero.

Un esempio può essere quello della colf o della badante. Se la colf o la badante licenziata può presentare una vertenza sindacale lavoro rivolgendosi al patronato e possono così spuntare conteggi di ferie non usufruite, ore di lavoro non pagate e tredicesime saltate. Così anche i datori di lavoro in buona fede, certi di essere in regola, possono ritrovarsi a pagare sanzioni e simili.

Evitare la vertenza sindacale

I datori di lavoro per evitare la vertenza sindacale da parte di colf e badanti è devono di essere in regola. Può sembrare banale ma non lo è: molto cause scaturiscono dalla disinformazione; nell’ambito del lavoro domestico infatti chi assume è tenuto a svolgere il ruolo di datore di lavoro pur non avendone in molti casi la competenza.

Il lavoro domestico, per legge, può essere in realtà instaurato anche verbalmente. Tuttavia, soprattutto in fase di contenzioso, la forma scritta permetterà di dimostrare la mansione, le ferie, la malattia e tutti gli altri dettagli che possono essere al centro di una possibile vertenza lavoro.




Bisogna, inoltre, comunicare all’Inps dell’assunzione colf e badanti entro la mezzanotte del giorno precedente a quello di inizio del rapporto di lavoro. La stessa ha efficacia anche nei confronti del Ministero del lavoro, dell’INAIL, nonché della Prefettura-Ufficio Territoriale del Governo.

In questo casa la vertenza lavoro può essere più che mai un modo per combattere il lavoro nero e per far rispettare tutti i diritti del lavoratore.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.