Vertenza sindacale , che cos’è e in cosa consiste


Vertenza sindacale , che cos'è e in cosa consiste




La vertenza sindacale viene utilizzata dal lavoratore per chiedere che vengano rispettati i propri diritti. La vertenza lavoro è anche detta denuncia di controversia di lavoro ed è l’iniziativa che intraprende il lavoratore per veder riconosciuti i propri diritti qualora il datore di lavoro non li rispetti.

Esistono diversi tipi di vertenza sindacale, quando a dare ausilio al lavoratore c’è il sindacato: nei casi di anomalie relative alla retribuzione. Come ad esempio il mancato pagamento dello stipendio mensile, l’incentivo a firmare una busta paga con importo diverso da quello percepito, l’incoraggiamento a sottoscrivere rinunce o fogli in bianco. In casi di anomalie relativi a ferie e permessi. Ad esempio se il lavoratore non ne ha usufruito nella misura in cui ne aveva diritto o non percepisce alcuna retribuzione.

Vertenza nei casi di malattia o infortunio

Se al lavoratore non sono state riconosciute in tutto o in parte tali indennità. In caso di astensione obbligatoria o facoltativa per maternità. In caso di anomalie relative alle ore di straordinario. Se il lavoratore non ha percepito il relativo compenso. In caso in cui il lavoratore sia stato licenziato senza preavviso e non ha percepito la relativa indennità sostitutiva. Se il lavoratore non ha percepito il pagamento del trattamento di fine rapporto.

Utilizzando lo strumento della vertenza lavoro il dipendente può far valere i propri diritti allontanando lo spettro del lavoro nero. Nella maggior parte dei casi per la presentazione della vertenza lavoro si fa riferimento al proprio sindacato di categoria contatta il datore di lavoro e comunica della vertenza sindacale così da poter discutere con lo stesso di eventuali mancanze. Il costo della procedura della vertenza lavoro consiste nell’iscrizione al sindacato e al corrispettivo spese. Questa va in prescrizione dopo ben 5 anni.