Lavoro 2019, si punta sul bio e sull’agricoltura


Lavoro 2019, si punta sul bio e sull’agricoltura




Oltre ai numerosi lavori che stanno spuntando grazie al progresso tecnologico (data scientist, project manager, machine learning engineering, solo per citarne alcuni), arriva una nuova ondata d’agricoltura che riporta il settore primario in primo piano.  Questo grazie non solo alle promozioni istituite nei confronti delle start-up agricole (vedi abolizione dell’Irpef agricola e bonus agricoli di vario tipo), ma anche alla fiorente cultura bio che sta diffondendosi sempre più dando una svolta al lavoro 2019.

Tale fatto non può esser nient’altro che positivo, considerando il focus spostato verso una produzione di cibo salutare e corretta. Non poche sono le start-up agricole che stanno sorgendo e promuovendo i propri prodotti biologici e a km 0.

Aprire una start-up agricola

La riscoperta del primario non arriva solo dai veterani, ma anche e soprattutto dai giovani. I fiorenti mercati e supermercati bio ne sono una dimostrazione, accompagnati da una cultura vegetariana/vegana sempre più fiorente.

Ovviamente, aprire una start-up agricola richiede una certa conoscenza e competenza in ambito agricolo, oltre che un certo impegno all’interno della propria comunità locale, un sentito rispetto per l’ambiente ed un circuito di vendita a km 0.




Detto questo, non c’è nemmeno bisogno di investire chissà quale capitale per far partire una start-up agricola, ma è opportuno dare priorità alla buona volontà di imparare e apprendere nozioni dal mestiere agricolo e basarsi, inizialmente, su un circuito locale.

Se poi si avrà una buona etica ed una costante modalità di lavoro, i propositi per sviluppare una start-up agricola saranno senz’altro buoni. Aiutati anche da una piccola spinta da parte dei vari bonus agricoli istituiti dal governo, tutti i giovani imprenditori agricoli che desiderano dedicare anima e corpo al settore primario hanno tutte le carte in regola per creare una propria attività bio di successo.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.