Part time che cos’è e come funziona


Part time che cos'è e come funziona




Il contratto part time ha come caratteristica principale un orario ridotto, ossia una “parte” rispetto a quello previsto dal contratto full time che è in generale di 40 ore settimanali o eventuale orario minore secondo quanto fissato dai cosiddetti CCNL, contratti collettivi nazionali lavoro.

Ovviamente la retribuzione sarà proporzionale alle ore di effettivo lavoro. A regolare il part time è il D. Lgs 81/, meglio conosciuto come Jobs Act.

Esistono 3 tipologie di contratto part time: part time di tipo orizzontale, di tipo verticale e di tipo misto.

La richiesta del contratto part time

La richiesta part time può essere effettuata per tutti i settori e le tipologie di lavoro e può essere proposto sia ai lavoratori disoccupati, sia a quelli con un altro lavoro o che sono in sostituzione maternità, sia i lavoratori che si trovano in mobilità.




Per quello che concerne gli obblighi a carico delle parti c’è da dire che il contratto part time presenta le medesime caratteristiche del contratto di lavoro a tempo indeterminato in quanto al pari dello stesso è un contratto di lavoro subordinato con gli stessi diritti e doveri: in buona sostanza ciò che cambia è soltanto la definizione degli orari di lavoro giornalieri e del numero di ore settimanali.

I contributi versati

Anche sul versante dei contributi previdenziali INPS o INAIL varranno le stesse regole previste per la contribuzione dei lavoratori a tempo indeterminato.

Il datore del lavoro può richiedere al dipendente anche di restare oltre l’orario di lavoro facendo gli straordinari, regolarmente retribuiti, ovviamente nei limiti della quantità massima definita dai contratti collettivi nazionali.

Il lavoratore con disabilità e il familiare che presta assistenza possono contare sul part time legge 104. il lavoratore con disabilità, in situazione di gravità può usufruire alternativamente dei permessi di tre giorni mensili o di permessi orari giornalieri, mentre il lavoratore dipendente che presta assistenza al familiare gravemente disabile ha la possibilità di fruire esclusivamente dei tre giorni di permesso in ciascun mese.

Il frazionamento dei permessi giornalieri in ore deve far riferimento al contratto e quindi per il part time un giorno lavorativo è relativo alle ore previste dallo stesso.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.