Voucher lavoro 2019, come funzioneranno


Voucher lavoro 2019, come funzioneranno




I voucher PrestO fanno parte di una manovra del Governo italiano per poter cercare di combattere la poca trasparenza che si trova nel mondo del lavoro degli ultimi anni. Si tratta di nuovi tipi di contratti di lavoro occasionale che si trovano nella Manovra Correttiva, questi voucher andranno quindi a sostituire i vecchi che sono stati aboliti dal Governo Gentiloni lo scorso 17 marzo.

A differenza dei vecchi voucher, i nuovi possono essere usati anche nel settore agricolo e da tutte le aziende che hanno massimo fino a 5 dipendenti, per i privati invece, si parla di Libretto di Famiglia. Ciascun voucher avrà un valore di 12,41 euro lordi di cui, 9 euro l’ora pagati al prestatore, 0,32 euro per contributi INAIL, 0,12 euro di oneri gestionali ed infine 2,97 euro di contributi gestione separata INPS.

Voucher 2019, tutto quello che bisogna sapere a riguardo

Per quanto riguarda l’agricoltura, è già pronta la procedura Inps per utilizzare i voucher PrestO e lo stesso vale anche per il settore turismo ed enti locali. La sigla PrestO è l’acronimo di prestazione occasionale e come detto in precedenza potranno essere utilizzati solo da determinate aziende che hanno i requisiti ed in più, non sarà possibile trovarli in tabaccherie o banche in quanto è obbligatoria l’iscrizione all’INPS, che sarà l’unico ente per l’emissione.

Al lavoratore che viene dato questo voucher lavoro, saranno date delle garanzie tra cui i 9 euro netti l’ora e mai al di sotto di 36 euro al giorno. Ovviamente ogni datore di lavoro, dovrà considerare i limiti di retribuzione massima annua e delle nuove regole ed adempimenti.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.