Reddito di cittadinanza, un aiuto per trovare lavoro


Reddito di cittadinanza, un aiuto per trovare lavoro




Cos’è il reddito di cittadinanza e quanto durerà. Il reddito di cittadinanza, anche conosciuto come “reddito di sussistenza “ è una misura di sostegno al reddito erogata a chi si trova in condizione di disagio economico  e  mutatis mutandis di esclusione sociale il cui fine è di dare un aiuto anche economico al  nucleo familiare che versa in condizioni di svantaggio le cui cause sono ascrivibili alla mancanza di un reddito/ reddito da lavoro oppure, nei casi in cui uno o più componenti percepiscano un reddito dalla scarsità dello stesso, ciò avviene nei casi in cui gli introiti economici siano tanto bassi da non garantire un’esistenza dignitosa. La misura prevede l’erogazione periodica di denaro per chi è residente in Italia almeno da cinque anni.

Il reddito di cittadinanza sarà cumulabile con il reddito da lavoro

Come succitato questa forma di sostegno economico è cumulabile con il reddito da lavoro, detto in altri termini anche chi ha un lavoro può essere ammesso a beneficiare del reddito di cittadinanza, questo perché la ratio del contributo economico è quella di dare un sostegno economico, un aiuto a chi vive in una condizione di deprivazione economica.

Il reddito di cittadinanza vincola chi ne beneficia ad attivarsi nel cercare un lavoro.

Il reddito di cittadinanza entrerà in vigoro nel 2019 dopo una sostanziale riorganizzazione dei centri per l’impiego

Il reddito di cittadinanza non prevede solo l’erogazione di un sussidio come accade con le misure assistenziali, il cui rischio è quello della “trappola della povertà, ossia i beneficiari di misure assistenzialistiche potrebbero avere la tentazione di non cercare più lavoro e qualora dovesse capitare di ricevere offerte di lavoro di non accettarle pur di mantenere la misura economica.  Per ovviare a questa problematica chi ne beneficia è tenuto a rispettare degli obblighi, primo fra tutti quello di cercare un lavoro, inoltre qualora venissero rifiutate tre proposte di lavoro fatte dai centri per l’impiego si decade dal beneficio; in ultima analisi si prevede che i beneficiari debbano lavorare gratuitamente per circa otto ore settimanali.




 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.