Lavoro occasionale, si può perdere la Naspi?


Lavoro occasionale, si può perdere la Naspi?




Una delle principali domande che ci si pone è se con il contratto di lavoro occasionale, può causare la perdita della Naspi. Proprio per questo motivo di seguito andremo a chiarire tutta la situazione a riguardo aspettando i cambiamenti della disoccupazione 2019 se ci saranno.

Prima di tutto bisogna dire che chi ha un’indennità di disoccupazione può lavorare saltuariamente tranquillamente con la forma voucher, ci sono però dei limiti da dover obbligatoriamente considerare e che non devono mai essere superati altrimenti si rischia poi di andare a perdere l’indennità. Bisogna quindi fare molta attenzione e cercare di essere quanto più precisi possibile, soprattutto con le comunicazioni e le dichiarazioni all’INPS, altrimenti si può rischiare di trovarsi un grosso problema.

Lavoro occasionale e Naspi, tutto quello che si deve sapere

Il limite di cui parliamo sopra per la perdita dell’indennità è di 5 mila euro, limite che rappresenta anche la soglia di reddito massima che il lavoratore può incassare ogni anno. Questi compensi però non andranno a gravare sullo stato di disoccupazione e proprio per questo motivo non bisogna preoccuparsi, in sostanza chi percepisce la Naspi può cumulare i suoi compensi tranquillamente a patto che però non superino i limiti annuali.

Importante è però ricordare che l’INPS ha anche l’incarico di sottrarre dai contributi accreditai sull’indennità, i contributi delle prestazioni occasionali. Questo reddito deve essere comunicato tramite un modello Naspi Com che è possibile trovare direttamente sul sito dell’INPS, oppure per chi ha difficoltà può tranquillamente recarsi al patronato e presentarlo. Qualora non ci sia alcuna comunicazione, la Naspi viene automaticamente sospesa.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.