Quota 100 per dipendenti pubblici, cosa cambia


Quota 100 per dipendenti pubblici, cosa cambia




Quota 100, uno fra gli argomenti più attuali in ambito sociale, economico e politico. Soprattutto quest’ultimo ambito è particolarmente in fermento per l’emissione (o “abolizione”) della quota 100. Sembra infatti che la nuova legge sulla quota 100 (che andrebbe in diretta opposizione alla riforma Fornero emessa dal PD) ha i suoi pregi ma allo stesso tempo anche i suoi difetti. Vediamo nello specifico cosa implica la quota 100 per dipendenti pubblici e perché questi vengono presi particolarmente in causa.

Dipendenti pubblici e quota 100 nel mirino del governo

Molte sono le voci che dichiarano che milioni di dipendenti pubblici rischiano di avere problemi a raggiungere la pensione. Questo perché sembrano esserci buchi notevoli per quanto riguarda la contribuzione previdenziale.

Come molti sanno, con la quota 100 si può raggiungere la pensione semplicemente sommando la propria età anagrafica e i propri anni di contributi. Se, per l’appunto, si raggiunge quota 100, si potrà accedere alla pensione. Ad esempio, se un soggetto ha 62 anni e 38 anni di contributi, raggiunge la quota 100 e potrà accedere alla pensione senza particolari problemi.

Ridurre di qualche anno l’età pensionabile

Nella sostanza, la quota 100 è stata realizzata con l’obiettivo di ridurre di qualche anno l’età
pensionabile, anche se sembrano presentarsi alcuni difetti e falle nel piano piuttosto evidenti. Ad
esempio, sembra che gran parte dei dipendenti pubblici non siano riusciti a comunicare correttamente
tutti i dati dei contributi e che, se questo è effettivamente così, potrebbe risultare seriamente problematico.




Inoltre, viene specificato spesso dalla politica che la quota 100 non presenta specifiche concrete per
quanto riguarda le donne, i giovani ed il lavoro discontinuo
. Insomma, sembrano esserci alcune
incoerenze per quanto riguarda la quota 100 e la situazione dei dipendenti pubblici che, attualmente,
sono sotto il mirino di molti.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.