Quota 100, chi ne ha diritto?


Quota 100, chi ne ha diritto?




Si sente spesso parlare di quota 100, ma cos’è nello specifico? È una nuova forma di pensionamento che prevede la somma dell’età anagrafica e degli anni di contributi che dovrebbero produrre un risultato finale di 100 (per l’appunto, il nome di questo tipo di pensione è “quota 100”).

Ma chi ne ha diritto? Quelli che con la differenza specificata riescono a raggiungere 100. Vediamo nello specifico quali sono i criteri per effettuare il calcolo per la quota 100 e se esistono alcune eccezioni da dover considerare.

Chi ha diritto alla quota 100

Sostanzialmente, tutti coloro che raggiungono quota 100 con la somma tra l’età anagrafica e gli anni di contributi, raggiungono una soglia che gli permette di ottenere la pensione anticipatamente a quanto specificato con le leggi precedenti (nella sostanza, con la riforma Fornero).

Detto questo, con le pensioni quota 100, gli italiani possono andare “a riposo” qualche anno prima rispetto a quanto previsto finora. Il limite minimo è previsto a 59 anni e, se ad esempio si hanno 62 anni di età anagrafica e 38 anni di contributi, si potrà ottenere la quota 100.




Tuttavia fino all’emissione definitiva della Legge di Bilancio 2019 non si ha ancora niente di definitivo e, di conseguenza, alcune cose potrebbero ancora cambiare da autunno 2018 fino a febbraio 2019 (mese previsto per l’emissione della quota 100).

Sostanzialmente, chi ha diritto alla quota 100? Come specificato in precedenza, tutti coloro che hanno almeno 62 anni ed hanno versato 38 anni di contributi. Da notare che ci sono alcune eccezioni, come ad esempio i lavoratori che hanno versato 41 anni di contributi e non hanno raggiunto i 62 anni. In questi casi potrà bastare avere 59 anni.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.