Quota 100, chi ci perde?


Quota 100, chi ci perde?




Spesso oggi si sente parlare di quota 100, ma cos’è la quota 100 nello specifico? La quota 100 riguarda la pensione ed è, sostanzialmente, una somma tra l’età anagrafica del contribuente ed i suoi contributi. Con la nuova Legge di Bilancio 2019, si prevede infatti che un contribuente debba raggiungere la quota 100 per ottenere una pensione. Vediamo nello specifico come funzionerà questa nuova modalità e se ci sono casi in cui un soggetto può rimetterci.

Quota 100, chi rischia di rimetterci

Sembrano esserci alcuni casi in cui il lavoratore risulta svantaggiato per quanto riguarda la pensione e la nuova quota 100. Ad esempio, se un lavoratore è disoccupato ed ha 62 anni, dovrà aspettare la soglia minima dei 67 per accedere ad un’eventuale quota 100. Al momento, un caso del genere può comunque accedere all’Ape sociale con 30 anni di contribuzione maturata, mentre con la quota 100 non sarà possibile.

La Uil ha evidenziato inoltre che se un lavoratore presenta una disabilità e vorrebbe accedere alla pensione a 63 anni con 30 anni di contribuzione, con la quota 100 dovrà lavorare ancora 3 anni e 6 mesi, così da arrivare a quota 100 con la somma anagrafica e dei contributi. Questo complica ulteriormente le cose e, nonostante la somma da effettuare sia piuttosto semplice da comprendere, alcune casistiche risultano ancora non completamente trasparenti.

Insomma, se non si raggiunge la somma prestabilita dalla quota 100, in alcuni casi ci possono essere alcuni lavoratori in svantaggio rispetto ad altri. Tuttavia, prima di trarre conclusioni definitive, bisogna aspettare la nuova Legge di Bilancio 2019 che avrà luogo i primi mesi dell’anno. Nello specifico, sembra che la quota 100 entrerà in vigore durante il mese di febbraio 2019, a scanso di cambiamenti e revisioni da parte del governo fino a tale data.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.