Licenziamento volontario, spetta la disoccupazione?


Licenziamento volontario, spetta la disoccupazione?




Cos’è l’indennità di disoccupazione. Per indennità di disoccupazione intendiamo una misura di sostegno al reddito il cui fine è quello di tutelare il reddito del lavoratore dipendente che ha perso (involontariamente) il lavoro.

Il primo maggio del 2015 è entrata in vigore l’ultima indennità di disoccupazione, la Naspi, si tratta di un assegno erogato mensilmente dall’Inps che andava a sostituire le misure di sostegno al reddito in vigore prima della Naspi.

Quali sono i requisiti per ottenere la Naspi?

Innanzitutto bisogna richiedere la disoccupazione entro sessant’otto giorni dalla scadenza del contratto; inoltre l’occupazione persa involontariamente sia un’occupazione da lavoratore dipendente, apprendisti, soci di una cooperativa purché ci sia stato un rapporto di lavoro subordinato dipendenti della pubblica amministrazione con contratto a tempo determinato. Un ulteriore conditio sine qua non è l’involontarietà della perdita del lavoro, ciò vuol dire che la perdita del lavoro dipendente deve essere indipendente dalla volontà del lavoratore; inoltre è necessario che il lavoratore abbia almeno tredici settimane contributive negli ultimi quattro anni, nonché trenta giorni di lavoro nell’ultimo anno.

Nel caso di licenziamento volontario?

Nel caso in cui il lavoratore dipendente abbia presentato le dimissioni al datore di lavoro difficilmente
potrà avere diritto a vedersi riconosciuto l’assegno mensile erogato dall’Inps in caso di disoccupazione,
una conditio sine qua non per vedersi riconosciuta la Naspi è l’involontarietà della perdita del lavoro.




Inoltre è bene avere il buonsenso di controllare bene i requisiti per il sussidio per la Naspi e valutando
se abbiamo tutte la carte in regole per ottenerlo. Presentare domanda sapendo già che non ci sono i
requisiti significa ingolfare il sistema e aumentare i tempi per chi invece ha diritto e ha bisogno di
ottenere l’assegno di sostegno. Questo fa parte di un paese civile che si occupa prima di tutto che le
regole e leggi vengano rispettate.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.