TFR, quale modulo serve per decidere la destinazione


TFR, quale modulo serve per decidere la destinazione




Il Trattamento di Fine Rapporto o TFR è una somma che spetta ad ogni singolo lavoratore subordinato quando si verifica una cessazione di un contratto di lavoro. Tuttavia, è entrato in vigore un nuovo modulo dove poter specificare la destinazione del TFR, ovvero il TFR2. Quali cambiamenti ha apportato? Vediamo nello specifico cosa si può fare con il TFR 2 e come poterlo compilare e soprattutto se e quanto è tassato il trattamento di fine rapporto.

I cambiamenti apportati dal TFR 2

Nella sostanza, mentre si firma il contratto di lavoro, il lavoratore dovrà scegliere come destinare il trattamento di fine rapporto. Questo avverrà con il nuovo modulo TFR2, in cui verrà specificata la preferenza di destinazione della somma in questione.

Specificamente, il TFR2 è stato progettato per versare il Trattamento in un ente separato ovvero in un fondo di previdenza complementare, così da poter controllare chiaramente la somma che spetta al lavoratore anche fuori dalla busta paga e poter destinare il TFR in un fondo che si desidera. Tale modello dovrà poi esser consegnato in azienda, insieme ad un modulo di adesione al fondo di previdenza complementare specificato.

Novità apportate dal modulo TFR2

Le novità apportate dal TFR2 includono alcuni punti aggiuntivi rispetto al vecchio TFR che considerano il
versamento su un fondo pensione o presso fonti istitutive. Nello specifico, si può scegliere di non
trasferire il TFR su un fondo pensionistico ed indicare la forma pensionistica complementare in cui si
vuol mettere il denaro del TFR.




Ma cosa succede se non si compila il modulo TFR2? Sostanzialmente, se entro sei mesi non si provvede a compilarlo, l’azienda in questione provvederà a versare il TFR in un fondo previdenza stabilito dal CCNL o dall’INPS.

Detto questo, è senz’altro opportuno compilare il TFR due preventivamente, in modo da poter decidere dove destinare il proprio Trattamento di Fine Rapporto. Altrimenti, l’azienda provvederà a decidere le sorti delle somme in questione.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.