Contratto di lavoro per sostituzione ferie come funziona


Contratto di lavoro per sostituzione ferie come funziona




Il mondo del diritto del lavoro è un campo vastissimo, in cui le norme vengono di continuo aggiornate e modificate. Per orientarsi in questa giungla, è quindi necessario conoscere i propri diritti e doveri, in modo da non farsi cogliere impreparati e soprattutto controllare il contratto di lavoro per evitare di incorrere in brutte sorprese.

Come funziona il Contratto per sostituzione ferie

Questo contratto non è nulla di più di una sottospecie di un normale contratto a tempo determinato: il sostituito e il sostituto godono infatti degli stessi diritti per quanto riguarda ferie, preavvisi e straordinari.

Molti utilizzano questa particolare variabile per assicurarsi un lasso di tempo utile per trovare un altro impiego e riorganizzare le proprie esigenze.

E’ possibile, nei casi di necessità accordare una proroga: in questo caso si può aggiungere un periodo di aspettativa o delle ferie, ma che in ogni caso devono essere già precedentemente previste dal proprio contratto e che non possono in ogni caso superare un lasso di tempo superiore a 12 mesi.




Nel caso in cui si ripresenti il problema di dover richiedere nuovamente questo tipo di contratto, la
normativa di riferimento è la Legge Fornero, che fissa un lasso di tempo di almeno 60 giorni tra una
sostituzione e l’altra.

La normativa di riferimento

Le fonti più recenti riguardo l’argomento sono indicate nella legge 368/2012, che è anche l’ultima
riforma del lavoro introdotta con la Legge n.92 del 2012. C’è anche da specificare che il famoso decreto
dignità, battaglia portata avanti dall’attuale governo giallo verde, porterà tantissime modifiche al lavoro
a tempo determinato e che quindi è consigliabile tenersi aggiornati.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.