Le esperienze all’estero e la lingua, il giusto sprint alla carriera lavorativa


Le esperienze all’estero e la lingua, il giusto sprint alla carriera lavorativa




Quasi la totalità dei genitori incoraggerebbe i propri figli a vivere un’esperienza di studio all’esteroSolo il 15% degli italiani ha però effettivamente studiato in un altro paese, ma il doppio ha alle spalle almeno un’esperienza lavorativa all’estero. Tra le ragioni di freno per lo studio all’estero: il fattore economico (56%). Le barriere linguistiche (32%) sono un altro blocco alle esperienze di lavoro all’estero, ma gli italiani cercano di superarle. In base ad una ricerca svolta da Babbel, tra i leader nella formazione oltre che alla diffusione dell’importanza di conoscere le lingue sono emersi dei dati significativi.

Le competenze linguistiche sono diventate sempre più una caratteristica imprescindibile per il mercato del lavoro e niente può essere più utile che un’esperienza diretta sul campo soprattutto all’estero. Lo sanno bene gli Italiani: un 81% dichiara, infatti, che un’esperienza all’estero potrebbe dare una spinta alla propria carriera e l’84% ha sognato almeno una volta di lavorare all’estero. Tra le destinazioni considerate più utili il Regno Unito (46%), gli USA (45%), la Germania (30%) la Spagna (27%) e la Francia (19%).

La formazione all’estero

E quasi la totalità dei genitori (98%) incoraggerebbe i propri figli a vivere un’esperienza di studio all’estero per diverse motivazioni: sia perché crede che parlare più di una lingua sia estremamente importante (77%), sia per la convinzione che ciò possa avere un influsso positivo sulle possibilità di carriera future dei propri figli (38%) e sia per l’idea che questo tipo di opportunità influisca positivamente anche sulla personalità (45%).

Nonostante l’importanza attribuita a un periodo di formazione all’estero, solo il 15% degli intervistati ha però effettivamente studiato in un altro paese. Le mete più gettonate sono state il Regno Unito (31%), la Germania (19%), gli USA (18%), la Francia (15%) e la Spagna (13%).    Chi vi ha rinunciato lo ha fatto principalmente per motivazioni di carattere economico – il 56%, infatti, ha dichiarato di non esserselo potuto permettere, mentre per il 13% il freno a partire per studiare all’estero è stato riconducibile alla paura di non conoscere la lingua del posto.




La situazione cambia leggermente quando si parla della sfera lavorativa

Un 30% degli italiani ha alle spalle almeno un’esperienza lavorativa all’estero. Se per il 38% la spinta a trasferirsi in un altro paese è stata dettata da maggiori possibilità di guadagno, per il 34% il trasferimento è stato invece spinto dal desiderio di scoprire una nuova cultura. Solo un 9% ha dichiarato invece di essersi trasferito per seguire il proprio compagno o compagna.

Il partire è stata una scelta che pare essere stata appagante per quasi la quasi la totalità degli italiani: nonostante siano mancati principalmente famiglia e amici (64%) o il buon cibo (42%) lavorando all’estero gli italiani hanno dichiarato di aver percepito uno stipendio migliore rispetto al proprio paese d’origine (78%), di aver avuto migliori opportunità professionali (80%). Addirittura il 77% dichiara che l’esperienza all’estero ha migliorato la propria carriera una volta tornati in Italia.

Guardando invece alle ragioni di “blocco”: oltre agli impegni nel proprio paese (36%) chi non ha mai lavorato all’estero ha addotto come motivazione le barriere linguistiche (32%).

Eppure la maggior parte degli intervistati che è partita non si è lasciata scoraggiare dalla scarsa conoscenza della lingua: il 55% degli intervistati, infatti, ha dichiarato che era in grado di sostenere una semplice conversazione nella lingua del posto e il 47% addirittura ha dichiarato di avere iniziato a studiarla ancora prima di partire in maniera integrata sia a scuola (64%), sia grazie a corsi di lingua (41%) sia tramite app (20%).

1 Al sondaggio hanno partecipato oltre 1.000 utenti provenienti da tutta Italia.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.