Amministratore di condominio, può essere un esterno?


Amministratore di condominio, può essere un esterno?




Soprattutto in questi ultimi tempi in cui i condomini risultano sempre più folti, una professione come l’amministratore di condominio risulta sempre più frequente. Ma chi è l’amministratore di condominio nello specifico? Sostanzialmente, l’amministratore di condominio è colui che viene eletto da un’assemblea condominiale che, grazie ad una maggioranza, avrà un incarica con responsabilità legate alla burocrazia, all’organizzazione e ai rapporti interni del condominio.

Ma com’è possibile diventare amministratore di condominio? Se si hanno i requisiti necessari (licenza di scuola secondaria di 2° grado, non si è presenti in liste di protestati, si è frequentato i corsi di formazione necessari) si ha la possibilità di venir eletti dall’assemblea condominiale. Tuttavia, vediamo come funziona se si vuol contattare un amministratore condominiale esterno.

Amministratore di condominio: quando può essere esterno

È opportuno precisare che dal 18 giugno 2013 è obbligatorio avere un amministratore di condominio solo se il complesso residenziale presenta almeno nove condomini. Nel caso che i condomini siano meno di nove, non si ha l’obbligatorietà di avere un amministratore di condominio.

Ma quand’è che si necessita di un amministratore esterno? Non c’è nessun tipo di norma che specifica l’obbligo di avere un amministrazione esterna. Ciò spetta all’assemblea condominiale: se verrà deciso di avere un amministratore esterno, si avrà un amministratore di condominio che non appartiene al complesso condominiale.




Questo può accadere se le dimensioni del condominio sono effettivamente molto grandi e difficilmente
gestibili da singoli abitanti. Ad esempio, se un immobile presenta circa venti condomini, si avrà quasi
sicuramente bisogno di un amministratore esterno, quasi come se fosse un commercialista.

Detto questo, l’amministratore di condominio esterno non risulta strettamente necessario, ma in
alcuni casi può essere la soluzione ideale per gestire il tutto nel migliore dei modi. Tuttavia, nei casi in
cui si abbia a che fare con un complesso condominiale piccolo, anche un comune abitante del
condominio potrà svolgere ufficialmente la mansione di amministratore condominiale (sempre se possiede i requisiti necessari ed ha frequentato i corsi di formazione adeguati).




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.