Amministratore di condominio, occorre la partita Iva?


Amministratore di condominio, occorre la partita Iva?




La professione di amministratore di condominio è un lavoro che, soprattutto in questi ultimi tempio, sta essendo sempre più in auge. I compiti amministrativi e la burocrazia sono complicati e lo si sa, per questo motivo i residenti dei complessi condominiali preferiscono fornire l’incarico ad una singola persona (anche esterna). Vediamo nello specifico se è opportuno avere la partita Iva (o meno) da amministratore di condominio.

Amministratore di condominio: con o senza partita Iva?

Innanzitutto, è necessario specificare che la normativa cambia in base al territorio. In concreto, mentre in alcune regioni vige l’obbligo dell’apertura di partita Iva come amministratore di condominio, in altre potrebbe non risultare necessario.

Molti amministratori di condominio possono infatti operare con ritenuta d’acconto (tuttavia lavorando da liberi professionisti a tutti gli effetti). Importante è considerare la normativa vigente sul territorio in cui si andrà ad operare.

Tuttavia, è l’Agenzia dell’Entrate a dichiarare che “l’attività genera reddito assimilato a quello di lavoro dipendente e ai relativi compensi si applicano le regole di tassazione proprie del lavoro dipendente“. Considerando quest’ultima constatazione, anche se l’amministratore di condominio è considerato praticamente un libero professionista, risulta pur sempre un “dipendente” dell’attività condominiale.




L’importanza della documentazione

Per quanto possa risultare un po’ confusionario (non solo su un piano burocratico ma anche
considerando le differenti normative regionali), ciò che necessita di fare un amministratore di
condominio è assicurarsi di essere in regola e fornire tutte le documentazioni e fatture adeguate
a tutti gli abitanti del condominio.

Se poi la normativa regionale o locale specificherà che non si avrà bisogno di aprire una partita Iva, l’amministratore di condominio potrà provvedere ad operare con ritenuta d’acconto o in modo analogo. Ad ogni modo, tutt’oggi restano ancora alcuni punti da chiarire in quanto alla dipendenza o non-dipendenza dell’amministratore condominiale dal condominio.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.