Pensioni quota 100 che cos’è?


Pensioni quota 100 che cos'è?




Nelle ultime settimane ha fatto tanto discutere la proposta del governo per la riforma delle pensioni, le cosiddette pensioni quota 100. Ma come cambia l’età pensionabile con la nuova proposta?
In linea di principio non è difficile da comprendere il meccanismo della quota 100, ovvero l’età pensioni è stabilità dalla somma dell’età anagrafica e degli anni di contributi del lavoratore che deve essere almeno pari a 100.

Questo, ovviamente, favorisce chi ha meno anni di contributi che può contare sull’ausilio degli anni anagrafici, ad esempio chi arriva a 65 anni con 35 di contributi può andare in pensione.

Pensioni quota 100 e l’età pensionabile

Ad oggi, in realtà, ci sono alcune tipologie di pensione di anzianità caratterizzati dal raggiungimento di
una quota. Si tratta delle pensioni degli addetti ai lavori usuranti, delle pensioni dei beneficiari delle
salvaguardie e del cosiddetto salvacondotto.

La legge quota 100 entrerebbe in vigore soppiantando la legge Fornero. Con le ultime introduzioni
proposte l’età pensionabile con la quota 100 dovrebbe essere stabilita un’età minima e un requisito
contributivo minimo.




Al momento, come detto, si tratta solo di una proposta. Per quanto concerne l’età pensioni non è stata definita un’età minima, né un minimo di annualità di contribuzione richiesto.

Stando alla maggior parte delle ipotesi effettuate sin ora si parla di un’età minima di 64 anni e di una contribuzione minima pari a 36 anni. In buona sostanza, anche se si raggiunge la quota 100, non ci si potrà pensionare se l’età non sarà almeno pari a 64 anni ed i contributi a 36 anni.

Ovviamente siamo ancora nel campo delle ipotesi sia per quanto concerne l’età pensionabile che per quanto riguarda i contributi minimi a versare per avere accesso. Ci si attende che nelle prossime settimane possano essere rese note ulteriori novità per quanto concerne la quota 100.