Quanto dura il congedo per la maternità sul lavoro?


Quanto dura il congedo per la maternità sul lavoro?




Per le mamme lavoratrici l’indennità di maternità è una risorsa molto importante. Nel caso in cui siano in dolce attesa la legge prevede per loro un periodo di riposo ed una serie di benefici.

In genere la richiesta maternità viene presentata due mesi prima della data della presunta nascita e fino a tre mesi dopo la stessa. Nel caso in cui il nascituro dovesse farsi attendere, i giorni verranno scalati da quelli spettanti post parto.

Per poterne usufruire è necessario che la lavoratrice produca la richiesta maternità

In tal senso la lavoratrice deve consegnare al datore di lavoro ed all’istituto erogatore dell’indennità il certificato medico attestante la data presunta del parto ed entro 30 giorni dal parto ulteriore certificato di nascita del figlio o la relativa dichiarazione sostitutiva.

Per il periodo di astensione obbligatoria di 5 mesi, sia prima del parto che dopo il parto, la donna ha diritto alla percezione di una prestazione previdenziale da parte dell’Inps: l’indennità di maternità.




Si tratta di una indennità sostitutiva della retribuzione erogata dal datore di lavoro nei mesi di normale svolgimento dell’attività.
Il contributo maternità è dell’80% rispetto alla retribuzione abituale.

Usufruire del contributo maternità

In pratica le mamme possono usufruire del contributo maternità due mesi prima del presunto parto.
Nel caso in cui questo dovesse la nascita ci dovesse essere dopo un periodo maggiore i giorni vengono scalati dai tre mesi concessi post parto, per un complessivo di 5 mesi.

L’indennità maternità è decisamente flessibile.
Le lavoratrici, infatti, possono posticipare l’inizio dell’astensione dal lavoro al mese precedente la data presunta del parto e proseguendo nei quattro mesi successivi ad esso.
Ovviamente tutelando la propria salute e quella del nascituro.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.