Legge 104, congedo straordiario posso prenderlo tutti?


Legge 104, congedo straordiario posso prenderlo tutti?




La cosiddetta legge 104 disciplina i permessi, il congedo straordinario, gli sgravi fiscali, l’indennità di accompagnamento, le pensioni di invalidità, gli assegni di invalidità e la pensione anticipata attraverso una legge che arriva nel febbraio del 1992, che garantisce assistenza, integrazione sociale e diritti dei disabili e di coloro che devono occuparsi di loro. Ovviamente ci sono doveri e diritti legge 104.

In buona sostanza tutela in vari modi l’adeguato sostegno che la famiglia in cui vive una persona con gravi problemi di salute è il presupposto principale che garantisce dignità e autonomia. La legge 104 si riferisce alle persone che presentano una minorazione fisica, psichica che comporta un impedimento nelle relazioni sociali e nell’integrazione lavorativa e che, pertanto, provoca un evidente svantaggio e un disagio quotidiano.

Legge 104, la richiesta

Il primo passaggio per la legge 104 richiesta è quello di richiedere un certificato medico dal quale emerga l’esistenza di un handicap al proprio medico curante. In questo deve essere indicata anche la sussistenza d’invalidità e l’eventuale non autosufficienza e possono essere specificate anche altre eventuali patologie, come cecità e sordità.

Ovviamente il concedo straordinario previsto dalla legge 104 non spetta a tutti. Possono presentare la
legge 104 richiesta coniuge convivente o la parte dell’unione civile convivente della persona disabile in
situazione di gravità, padre o madre anche adottivi o affidatari, figlio convivente convivente della
persona disabile, fratello o sorella convivente, parente o affine entro il terzo grado convivente della persona disabile in situazione di gravità.




Il congedo straordinario che può essere di tre giorni al mese fino, nei casi più gravi, anche di due anni
continuativi è retribuito. Lo stipendio congedo straordinario corrisponde alla retribuzione ricevuta
nell’ultimo mese di lavoro che precede il congedo stesso, esclusi gli emolumenti variabili della
retribuzione, entro un limite massimo di reddito rivalutato annualmente.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.