Domanda per la maternità sul lavoro dove farla?


Domanda per la maternità sul lavoro dove farla?




Per ottenere il contributo di maternità è necessario svolgere una serie di operazioni nei tempi e nei modi stabiliti dalla legge. Nella fattispecie l’indennità di maternità viene concessa a tutte le lavoratrici in dolce attesa.

Nello specifico per poterne usufruire la lavoratrice deve produrre la richiesta maternità. La domanda va inoltrata prima dei due mesi che precedono la data prevista del parto e mai oltre un anno dalla fine del periodo indennizzabile, questo provocherebbe infatti la prescrizione del diritto all’indennità e quindi alla lavoratrice non spetterebbe alcun contributo maternità.

Prima dell’inizio del periodo d’indennità di maternità, la lavoratrice deve far pervenire all’Istituto il certificato medico di gravidanza tramite un medico del servizio sanitario nazionale. Sarà sua premura inviare tale certificazione in via telematica.

Come fare la domanda per la maternità

Entro 30 giorni dal parto la lavoratrice, inoltre, è tenuta a comunicare la data di nascita del figlio e le relative generalità. Si tratta di una serie di operazioni di fondamentale importanza per vedersi riconosciuto il contributo maternità.




La richiesta maternità può essere inoltrata online all’INPS attraverso il servizio dedicato proprio sul portale dell’istituto di previdenza. La domanda prevede la possibilità di allegare copia digitalizzata della documentazione utile a una celere definizione del procedimento.

La richiesta maternità cartacea deve includere il certificato medico di gravidanza e ogni altra
certificazione medico sanitaria richiesta per l’erogazione delle prestazioni economiche per il contributo
maternità
e può essere presentata in originale alla sede INPS competente, allo sportello o con
raccomandata postale in busta chiusa.

Non bisogna dimenticare che le mamme lavoratrici, fino al compimento del primo anno del figlio,
avranno diritto ai permessi per l’allattamento, che vengono stabiliti in base al tipo di contratto. In caso
di contratto full time saranno di due ore giornaliere in caso di part time di un’ora al giorno, che sarà
regolarmente retribuita.

Come retribuito è anche il periodo di maternità nel limite dell’80%, anche se vi sono casi in cui questa
percentuale sale fino al 100%.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.