Legge 104, due anni a casa per assistere un familiare


Legge 104, due anni a casa per assistere un familiare




Poter usufruire delle tante agevolazioni previste dalla legge 104 in alcuni casi può essere determinante. La normativa, introdotta nel febbraio del 1992, disciplina i permessi, il congedo straordinario, gli sgravi fiscali, l’indennità di accompagnamento, le pensioni di invalidità, gli assegni di invalidità e la pensione anticipata.

Il primo passaggio per la legge 104 richiesta è quello di richiedere un certificato medico dal quale emerga l’esistenza di un handicap al proprio medico curante. In questo deve essere indicata anche la sussistenza d’invalidità e l’eventuale non autosufficienza e possono essere specificate anche altre eventuali patologie, come cecità e sordità. Per presentare correttamente la legge 104 richiesta è necessario che l’interessato, entro 30 giorni dal rilascio del certificato, presenti la domanda all’Inps per il riconoscimento dell’handicap.

Legge 104, permessi mensili e straordinari

Oltre ai permessi previsti dall’ art. 33 della Legge 104/92 che si limitano a 3 giorni al mese, vi è la possibilità di usufruire di due anni di congedo straordinario retribuito. Lo prevede una normativa del 2000, la L.388   che ha visto nel tempo modifiche e chiarimenti, per effetto di successivi interventi legislativi, sentenze e circolari.

I beneficiari potenziali del periodo di due anni di congedo straordinario retribuito sono lavoratori dipendenti, anche a tempo determinato, del settore pubblico e privato, che hanno un familiare con handicap in situazione di gravità. Non ne hanno diritto i lavoratori domestici e i lavoratori a domicilio.




Questo tipo di concedo straordinario spetta solo al coniuge convivente o la parte dell’unione civile
convivente della persona disabile in situazione di gravità, padre o madre anche adottivi o affidatari,
figlio convivente convivente della persona disabile, fratello o sorella convivente.

Lo stipendio congedo straordinario corrisponde alla retribuzione ricevuta nell’ultimo mese di lavoro
che precede il congedo stesso, esclusi gli emolumenti variabili della retribuzione, entro un limite massimo di reddito rivalutato annualmente.




1 Trackback / Pingback

  1. Congendo straordinario legge 104 come funziona

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.