Assenza ingiustificata sul lavoro, cosa succede


Assenza ingiustificata sul lavoro, cosa succede




Cosa si intende per assenza ingiustificata sul lavoro? L’assenza ingiustificata sul lavoro è una situazione particolare la cui peculiarità è data dall’assenza del dipendente dal luogo di lavoro.

Ovviamente non si tratta di un caso di “malattia”, ovvero il lavoratore non si è presentato presso il proprio medico di famiglia, né presso la guardia medica, detto in altri termini in caso di assenza ingiustificata non c’è un certificato medico che attesti la malattia del dipendente giustificando l’assenza dal luogo di lavoro.

L’assenza del lavoratore dal luogo di lavoro resta dunque ingiustificata, priva di motivazioni oggettive.
Un’altra peculiarità dell’assenza ingiustificata sul lavoro è la mancanza di preavviso, detto in altri termini, il lavoratore non ha avvistato il datore di lavoro con anticipo dell’assenza che intendeva effettuare.
Si parla di assenza ingiustificata anche nel caso il cui il lavoratore ha avvisato il datore di lavoro ciononostante quest’ultimo non gli ha accordato il permesso di assentarsi dal luogo di lavoro.

Quali sono gli obblighi del lavoratore nel caso voglia assentarsi dal luogo di lavoro?

Il lavoratore ha il diritto di richiedere permessi retribuiti, concedi, e ferie (irrinunciabili), così da poter sospendere la propria attività lavorativa.
Ciononostante, egli nel richiedere questi diritti ha l’obbligo di comunicare e giustificare anticipatamente al datore di lavoro l’assenza che intende fare;
si parla di “giusto preavviso”, necessario al datore di lavoro al fine di poter riorganizzare l’attività lavorativa tenendo conto dell’unità di lavoro che viene a mancare.




L’avere un motivo valido per assentarsi dal lavoro e comunicare l’assenza al datore di lavoro con il giusto preavviso sono delle condizioni necessarie affinché l’assenza non debba essere considerata ingiustificata.

Quali sono le conseguenze in seguito ad un’ assenza ingiustificata sul lavoro?

Il datore di lavoro ha il diritto di dare avvio ad un procedimento disciplinare che si concluderà con un provvedimento ai danni del lavoratore.
Il lavoratore rischia il licenziamento, ciononostante esso non è automatico.