Dove si fa la richiesta per ottenere la legge 104


Dove si fa la richiesta per ottenere la legge 104




La legge 104 è quella legge che garantisce dignità e autonomia a persone con handicap, minorazione fisica, psichica che comportano un impedimento nelle relazioni sociali e nell’integrazione lavorativa e che, pertanto, provoca un evidente svantaggio e un disagio quotidiano.

Tutelare chi deve convivere con qualsivoglia forma di handicap è l’obiettivo principale della legge 104 che prevede la concessione di permessi, congedo straordinario, sgravi fiscali, indennità di accompagnamento,  pensioni di invalidità, assegni di invalidità e la pensione anticipata attraverso una legge introdotta nel febbraio del 1992. Ovviamente c’è da sapere che esistono diritti e doveri legge 104 che devono essere seguiti, nulla è dovuto questo deve essere chiaro.

Legge 104 dove si fa la richiesta: cosa c’è da sapere

Per ottenere le agevolazioni previsti dalle legge 104 Inps il primo passaggio da fare è quello di inviare all’ente la domanda, solo dopo aver richiesto un certificato, dal quale emerga l’esistenza di un handicap al proprio medico curante. Nel certificato deve essere indicata anche la sussistenza d’invalidità e l’eventuale non autosufficienza, inserendo se sussistono anche altre ulteriori patologie come ad esempio cecità e sordità.

Per presentare correttamente la richiesta legge 104 è necessario che l’interessato, entro 30 giorni dal
rilascio del certificato, presenti la domanda all’Inps per il riconoscimento dell’handicap. Dopo tale scadenza il certificato medico non è più valido e deve essere rifatto. La procedura è unica per il riconoscimento sia d’invalidità, che d’inabilità, o di handicap.




Ci sono diversi modi per presentare la legge 104 richiesta. Il procedimento può essere svolto
correttamente tramite il sito web dell’Inps, all’interno della sezione “Servizi per il cittadino”, qualora si
disponga del codice Pin oppure tramite il Contact Center Inps Inail o in alternativa recandosi presso un
patronato.

Legge 104 permessi

Una volta accertata la situazione di gravità dovuta all’handicap è possibile usufruire di una serie di
agevolazioni quali: permessi lavorativi retribuiti, per sé stesso o per i familiari che lo assistono, pari a 3
giorni al mese, frazionabili anche in modalità oraria. Il rifiuto al trasferimento e al lavoro notturno, la
priorità di scelta nella sede, se dipendente pubblico,  il congedo straordinario retribuito, per un
massimo di due anni nella vita lavorativa e agevolazioni fiscali per l’acquisto di sussidi ed attrezzature,
per le spese mediche e di assistenza specifica.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.