Come richiedere la modulistica per la legge 104


Come richiedere la modulistica per la legge 104




In molti si domandano come richiedere la 104, ma prima di tutto capiamo a cosa serve questa legge e cosa e chi tutela. La cosiddetta legge 104 disciplina i permessi, il congedo straordinario, gli sgravi fiscali, l’indennità di accompagnamento, le pensioni di invalidità, gli assegni di invalidità e la pensione anticipata attraverso una legge che arriva nel febbraio del 1992, che garantisce assistenza, integrazione sociale e diritti dei disabili e di coloro che devono occuparsi di loro. Ovviamente è bene conoscere diritti e doveri della legge 104 per evitare problemi a livello lavorativo.

In buona sostanza tutela in vari modi l’adeguato sostegno che la famiglia in cui vive una persona con gravi problemi di salute è il presupposto principale che garantisce dignità e autonomia. La legge 104 si riferisce alle persone che presentano una minorazione fisica, psichica che comporta un impedimento nelle relazioni sociali e nell’integrazione lavorativa e che, pertanto, provoca un evidente svantaggio e un disagio quotidiano.

Legge 104, ecco come richiedere la modulistica

Il primo passaggio per la legge 104 richiesta è quello di richiedere un certificato medico dal quale
emerga l’esistenza di un handicap al proprio medico curante. In questo deve essere indicata anche la
sussistenza d’invalidità e l’eventuale non autosufficienza e possono essere specificate anche altre
eventuali patologie, come cecità e sordità.

Per vedersi riconosciuti i diritti dalla legge 104 Inps l’attestazione, detta certificato SS3, deve essere
redatta su un apposito modello predisposto proprio dall’Inps, ed inoltrata direttamente, per via
telematica, dal medico all’Istituto,  il medico dovrà poi consegnare una ricevuta, dove è segnato il
numero di protocollo e il codice univoco, quindi è importante conservarla.




Legge 104 permessi

Una volta accertata la situazione di gravità dovuta dall’handicap è possibile usufruire di una serie di
agevolazioni: permessi lavorativi retribuiti, per sé stesso o per i familiari che lo assistono, pari a 3 giorni
al mese, frazionabili anche in modalità oraria. Il rifiuto al trasferimento e al lavoro notturno, la priorità
di scelta nella sede, se dipendente pubblico,  il congedo straordinario retribuito, per un massimo di due
anni nella vita lavorativa e agevolazioni fiscali per l’acquisto di sussidi ed attrezzature, per le spese
mediche e di assistenza specifica.

Ovviamente in base al tipo di disabilità la legge 104 prevede permessi e diverse tipologie di
agevolazioni.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.