Lavorare nello spettacolo, da dove si comincia


Lavorare nello spettacolo, da dove si comincia




Lavorare nel settore dello spettacolo è il desiderio di molti. Ma che cosa significa lavorare nello spettacolo? S’intendono tutti quei mestieri dedicati ad un “palcoscenico” quali cantante, attore, regista, scenografo, musicista e quant’altro riguardi un’esibizione e la professionalità di essa. Di fondo un regista o un attore sono dei lavoratori in proprio con obblighi e dovere verso il fisco ad esempio, è bene quindi conoscere tutto quello che c’è da sapere per iniziare a lavorare per conto proprio.

Proprio la professionalità è un elemento chiave di questo settore. Anche se si può a volte pensare al settore dello spettacolo come un ambito di divertimento e svago, lavorare nel settore richiede dedizione, una notevole disciplina personale e una naturale attitudine verso il pubblico e, in maniera più ampia, verso l’arte.

Questo perché lavorare nel mondo dello spettacolo ha spesso punti di vista liberi su cui ragionare ed ampliare le proprie idee. Ad esempio, uno scenografo dovrà creare di sana pianta una sceneggiatura per un’opera di teatro ancora inedita. Spetterà a lui riprodurre coerentemente e artisticamente i contenuti dell’opera.

Diventare un attore, regista o scenografo nel mondo dello spettacolo

Ma come fare per inserirsi in tali settori? Un primo consiglio è quello di frequentare corsi o perlomeno capire le basi del mestiere. Scuole di recitazione e accademie artistiche possono aiutare, anche se a volte si sente parlare di autodidatti, soprattutto nei settori artistici.




Ad ogni modo, autodidatta non significa colui che possiede di sua natura tutte le capacità di cui ha
bisogno, ma è colui che ha approfondito personalmente nozioni teoriche e artistiche che gli hanno
permesso di essere adeguato per svolgere una tale professione.

Prendendo in esempio un musicista, si sente dire spesso di un bravo chitarrista che, pur non “avendo
studiato”, ha una talento innaturale. Questo non significa necessariamente che “chitarristi si nasce”, ma che il chitarrista in questione è riuscito a capire le fondamenta del musicista, pur non frequentando accademie o scuole di musica (ma studiandole ed approfondendole per conto proprio).

Detto questo, è opportuno frequentare corsi per lavorare nello spettacolo? Frequentare corsi e, soprattutto, avere a che fare con buoni insegnanti può solo spronare, quindi perché non farlo? Successivamente, su un livello personale, spesso si necessita di crearsi un proprio “business” che ci permetta di evidenziare ciò che effettivamente sappiamo fare nel mondo dello spettacolo.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.