Contratto di apprendistato e licenziamento, ecco come funziona


Contratto di apprendistato e licenziamento, ecco come funziona




Il contratto di apprendistato è una tipologia contrattuale che permette a uno studente/lavoratore di apprendere nozioni teoriche e pratiche direttamente sul campo. Ad ogni modo, è possibile esser licenziati durante tale periodo di lavoro? Ricordiamo infatti che esistono diritti e doveri nel contratto di apprendistato da seguire.

Nello specifico, il datore di lavoro può licenziare il lavoratore durante il periodo d’apprendistato solo se ha una giusta causa. Stessa cosa vale per l’apprendista che desidera dare le dimissioni, fin quando rispetta i termini di preavviso specificato dal contratto stesso.

Detto questo, se si verificano episodi in cui il datore di lavoro ritiene opportuno licenziare l’apprendista, può farlo. Inoltre, in seguito alla scadenza del contratto di apprendistato, il datore di lavoro può licenziare il dipendente senza particolari motivi, sempre rispettando i termini di preavviso contrattuali.

Licenziamento e termine del contratto di apprendistato

Di conseguenza, se durante il periodo di contratto di apprendistato si era più tutelati (ovvero il
licenziamento doveva esser giustificato), finito tale periodo il datore di lavoro ha un potere decisionale
maggiore.




Se invece il datore di lavoro non specifica nessun tipo di cessazione del contratto, l’apprendista ottiene
a tutti gli effetti un contratto a tempo indeterminato. A questo punto il lavoratore in questione diviene
dipendente dell’azienda ed è soggetto alle stesse procedure degli altri dipendenti aziendali.

Possiamo quindi definire il contratto di apprendistato come un rapporto a tempo indeterminato con
una formazione precedente all’assunzione
. L’unica differenza è che il datore di lavoro, a termine del contratto di apprendistato, ha un potere decisionale maggiore nei confronti del dipendente.

Ad ogni modo, in fase di apprendistato ci sono alcuni obblighi da rispettare dal datore di lavoro, soprattutto per quanto riguarda le ore di formazione. Infatti, le ore formative e lavorative vanno specificate e l’apprendista ha diritto ad un 35% di retribuzione per quanto riguarda la formazione.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.