Baby sitter, quale contratto si deve adottare per essere in regola?


Baby sitter, quale contratto si deve adottare per essere in regola?




Molte persone quando assumo una baby-sitter si pongono il problema di quale tipo di contratto di lavoro devono effettuare alla nuova tata. Il contratto da baby-sitter viene equiparato a quello che rientra nell’ambito dei contratti di lavoro domestici. Uno degli aspetti fondamentali nella scelta di una baby-sitter, sta innanzitutto nelle referenze che tale baby sitter deve avere e soprattutto nelle competenze che dimostra di riuscire a mettere in campo nel suo lavoro.

Le referenze di una baby-sitter, sono forse la prima cosa che va a determinare la scelta di una famiglia per una candidata, piuttosto che per un’altra. Non è un caso, che a volte nelle referenze vengono elencate tutte le competenze della baby sitter e soprattutto, vengono anche chiariti quali sono gli aspetti di tipo lavorativo maggiormente importanti. È evidente che la somministrazione del contratto dipende anche da quelle che sono le ore di lavoro di cui si ha bisogno. Inoltre è bene ricordare che questo tipo di lavoro non è un passatempo ma un vera e propria professione con diritti e doveri e soprattutto responsabilità.

I differenti tipi di contratto per una baby-sitter

Esistono differenti tipi di contratto che è possibile applicare con un baby-sitter. Innanzitutto, si deve
scegliere tra un contratto di lavoro temporaneo oppure uno full time. Lo stipendio sarà vincolato alle
ore di lavoro. È evidente che chi lavora a tempo pieno avrà un compenso più elevato rispetto a chi
lavora in part-time. Bisognerà equiparare questo contratto da un punto di vista, non solo dello
stipendio, ma anche del TFR, tredicesima, con orario preciso, ferie e con un periodo di prova che
solitamente corrisponde a un mese, così come previsto nell’ambito dei contratti di lavoro domestico.

Molto spesso il compenso stabilito dipende anche da quella che è l’esperienza della candidata o del candidato ideale per questa tipologia di ruolo. E’ bene perciò mettere in chiaro fin da subito quali sono le proprie intenzioni, quali sono le proprie competenze e soprattutto, quali sono le referenze in modo tale da riuscire a ottenere un contratto che possa rispecchiare in pieno questo ruolo. E’ opportuno tenere conto anche di quelle che sono le aspettative del lavoratore.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.