Reddito di inclusione come e dove si richiede il sussidio


Reddito di inclusione come e dove si richiede il sussidio




Il nuovo reddito di inclusione è un indennizzo garantito dallo stato per tutte le famiglie che necessitano un sostegno economico e rispettano i parametri legislativi specificati per richiederlo. Ma come poterlo richiedere? E soprattutto dove è possibile farlo?

Sostanzialmente, il reddito d’inclusione è stato realizzato con l’obiettivo di contrastare la povertà e riordinare i servizi sociali. In questo modo non solo sarà possibile ricevere un indennizzo fisso ed un sostegno economico notevole, ma tale reddito potrà sostituire indennizzi “temporanei” come quello della disoccupazione.

Questo non significa che la disoccupazione non sarà più in vigore, significa semplicemente che chi presenterà domanda per il reddito d’inclusione verrà automaticamente cancellato dall’indennità NASpI (disoccupazione) in quanto riceve un altro tipo d’indennizzo incompatibile con la disoccupazione stessa, ma nell’arco di 18 mesi avrà un reddito fisso, anche se nel frattempo si avrà un nuovo impiego.

Richiedere il reddito di inclusione

Per richiedere il reddito d’inclusione si necessita di rispettare alcuni requisiti familiari (che rimarranno in
vigore fino a giugno 2018). Tali requisiti specificano che le famiglie che richiedono l’indennizzo devono
avere almeno un figlio minorenne, un figlio con disabilità, una donna in stato di gravidanza o un
componente disoccupato sopra i 55 anni.




Per quanto riguarda invece i requisiti ISEE, per ottenere la carta REI (con cui poter prelevare gli
indennizzi) è necessario avere una soglia di reddito ISEE fino a 6000 €, una soglia ISRE fino a 3000 €, un
patrimonio immobiliare con una soglia sotto i 20mila euro (considerando il netto dell’abitazione
principale) ed un patrimonio mobiliare che arriva ad un massimo di 10mila euro.

Di conseguenza, chiunque sta ancora riscuotendo un’indennità di disoccupazione NASpI non potrà ricevere il reddito di inclusione. Sembra che anche i soggetti che nei due anni antecedenti alla presentazione della domanda ha acquistato un’auto, una barca o una moto, non può riscuotere tale indennizzo.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.