Dove fare la domanda per l’assegno di ricollocazione


Dove fare la domanda per l’assegno di ricollocazione




L’assegno di ricollocazione è una delle novità più attese del Jobs Act. Ma dove fare domanda? Prima di tutto vediamo a cosa serve l’assegno di ricollocazione. Esso mira infatti a promuovere la preparazione professionale di coloro che si trovano in stato di disoccupazione, offrendo al disoccupato la somma utile a pagare la retta dei corsi di formazione. Va da sé che con una maggiore preparazione e, perché no, competenza, le possibilità di trovare lavoro, soprattutto in determinati settori, si alzano notevolmente.

L’assegno di ricollocazione, dopo essere stato sottoposto ad una specie di test lo scorso anno, nel 2017, è pronto a partire a tutti gli effetti, così come previsto dalla normativa. Vediamo nel dettaglio dove ci si deve rivolgere per fare la domanda per l’assegno di ricollocazione.

Dove fare la domanda?

Un disoccupato, che recepisce almeno da 4 mesi l’indennità Naspi può farlo recandosi presso il Centro
per l’impiego competente in relazione alla sua zona di residenza. Verrà qui sottoposto ad un colloquio
che gli permetterà di entrare all’interno di una cosiddetta classe di profilazione, attraverso la quale il suo profilo può essere visionato e vagliato.

Successivamente, colui che intende uscire dalla sua posizione di disoccupazione è chiamato a sottoscrivere una sorta di patto con l’ente in cui si impegna a frequentare corsi professionali e iniziative che gli permettano di avere maggiori probabilità di trovare lavoro.
E’ solo in seguito a questi passaggi che il disoccupato riceve  l’assegno di ricollocazione, il voucher con il quale poter finanziare i corsi formativi proposti dal centro per l’impiego idonei al suo profilo o alle sue attitudini.




Ovviamente, l’obiettivo è quello di formare persone in stato di disoccupazione nei settori dove vi è più
richiesta di lavoratori: molto spesso infatti le richieste di personale da parte delle aziende ci sono, ma
vertono verso competenze che in pochi hanno o che è difficile trovare perché appartenenti a
professioni in disuso. Ecco perché l’assegno di ricollocazione può rappresentare una valida soluzione
alla lotta alla disoccupazione.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.