Concorso pubblico, l’agenzia delle entrate cerca 510 funzionari





L’Agenzia delle Entrate, ovvero l’ente pubblico che si occupa dei servizi verso i contribuenti, dell’elaborazione e dell’acquisizione dell’apposita modulistica, del recupero dell’evasione fiscale e delle interpretazioni delle norme, ha indetto un concorso pubblico per l’assunzione di 510 funzionari.

Tra i prossimi concorsi a livello nazionale, uno dei più rilevanti è proprio questo maxi-concorso indetto dall’omonimo ente; per parteciparvi è necessario essere in possesso di determinati requisiti. Tra le prossime scadenze concorsi pubblici c’è quindi la domanda di partecipazione dovrà essere perentoriamente inviata – per via telematica – al sito dell’Agenzia, entro e non oltre le 23.59 del giorno 17 maggio 2018. Il concorso è strutturato in 3 fasi:

  • la prova oggettiva attitudinale,
  • la prova oggettiva tecnico-professionale
  • il tirocinio teorico-pratico con prova finale.

Concorso pubblico per l’assunzione di 510 funzionari

Il concorso per assumere 510 funzionari – a tempo indeterminato – addetti ad attività amministrativo-tributaria prevede l’assunzione di candidati in quasi tutto il territorio italiano e fa parte, quindi, dei concorsi nazionali. Infatti, quasi tutte le regioni cercano un determinato numero di funzionari; nel Lazio, per esempio, i profili ricercati sono 30.

Più di 500 sono i posti di lavoro ricercati – a livello nazionale – dall’Agenzia delle Entrate. Per partecipare al concorso indetto dalla suddetta agenzia si deve essere laureati, con cittadinanza italiana e – preferibilmente – non aver riportato condanne penali (oltre ad una serie di altri requisiti, facilmente consultabili sul sito http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/portal/entrate/home ).




Le selezioni avranno luogo dopo aver effettuato una corretta iscrizione al concorso: quest’ultima deve
essere effettuata entro i termini stabiliti sopra ed esclusivamente per via telematica all’indirizzo www.agenziaentrate.gov.it .

In base all’art. 20 della l. 5 feb. 1992 n° 104 ed all’art. 16 della l. 12 marzo 1999 n° 68, i candidati portatori di handicap dovranno specificare (nella domanda di partecipazione al concorso) “ […] l’ausilio necessario in relazione al proprio handicap […] e l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi ai sensi della citata normativa”.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.