Lavoro domestico, come funzionano gli orari di lavoro


Lavoro domestico, come funzionano gli orari di lavoro




Anche il lavoro domestico (ovvero la tipologia di lavoro esercitata da badanti, colf, giardinieri, autisti, ecc.) è disciplinato e scandito da orari rigorosi come viene scandito all’interno del contratto di lavoro per lavoratori domestici; il lavoro domestico comprende quelle prestazioni esercitate presso l’abitazione di qualcuno (per semplificare, una famiglia), dove il lavoratore domestico che viene assunto, tramite regolare contratto, assolve alle sue funzioni – per esempio – di cura della persona anziana non più autosufficiente, dei bambini oppure si occupa di tenere in ordine la casa ed il giardino.

Lavoro domestico, cosa dice il contratto

L’art. 15 del CCNL prevede che la durata dell’orario lavorativo del lavoratore domestico possa essere,
al massimo, di 10 ore non consecutive giornaliere e 54 ore complessive settimanali, nel caso di
lavoratori domestici conviventi; diverso è il discorso per i lavoratori domestici non conviventi, il cui
orario non deve superare le 8 ore giornaliere (non consecutive) e le 40 ore complessive settimanali,
distribuite su 5 o 6 giorni. Inoltre, c’è la possibilità di assumere un collaboratore domestico, eccependo
dalle condizioni esposte sopra, con contratto parziale di 30 ore settimanali, a condizione però che il
lavoratore domestico sia convivente con la famiglia, datrice di lavoro.

Inoltre è poi possibile che il lavoratore venga assunto con un vero e proprio contratto a ore: questo
contratto tra famiglia (il datore di lavoro) e collaboratore domestico (il lavoratore) può essere stipulato
solamente se la prestazione lavorativa del lavoratore non supera le 24 ore settimanali e se è conferita
solo su alcuni giorni della settimana. In caso contrario si dovrà provvedere a regolarizzare
tramite il contratto lavoratore domestico.

Per assumere una domestica o una colf è, innanzitutto, fondamentale  redigere un contratto,
all’interno del quale saranno specificati l’orario di lavoro, il giorno settimanale di riposo, lo stipendio
spettante e così via. Nel caso in cui si voglia assumere una domestica straniera, è necessario che questa
possieda un regolare permesso di soggiorno: sarà, ovviamente, premura del datore di lavoro accertarsi
che questi vincoli burocratico-legali vengano rispettati, al fine di non incorrere in eventuali sanzioni penali.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.