TFR fondo pensione, una scelta diversa per il trattamento di fine rapporto


TFR fondo pensione, una scelta diversa per il trattamento di fine rapporto




Il trattamento di fine rapporto, chiamato comunemente liquidazione, è quella somma di denaro che il lavoratore ha accumulato nel corso degli anni, spettante allo stesso quando si interrompe il rapporto lavorativo. Da qualche anno è possibile scegliere di lasciarlo in azienda oppure di utilizzare il TFR fondo pensione verso un istituto differente.

Si ha accesso al pagamento TFR se il lavoratore arriva al pensionamento, per la chiusura del contratto, le dimissioni o licenziamento. Ovviamente la somma può cambiare in base ad una serie di varianti quali gli anni di anzianità e la posizione ricoperta.

TFR fondo pensione è possibile?

Da qualche anno il lavoratore può anche scegliere di versare il proprio TFR ad un fondo pensione o lasciarlo in azienda. In linea generale i fondi pensionistici offrono un pagamento TFR maggiore. In buona sostanza il lavoratore in questo caso dovrebbe ottenere una somma di denaro superiore.

La scelta di destinare il proprio TFR ad un fondo pensione complementare è irrevocabile, anche per gli anni ed i rapporti di lavoro a venire. Stando a quanto riportato dalla legge di Bilancio 2018, in futuro sarà possibile non soltanto destinare esclusivamente una percentuale del TFR alla previdenza integrativa.




Grazie alle nuove disposizioni il lavoratore potrà decidere, per il futuro, di non versare più nulla al fondo, ma di lasciare il trattamento in azienda, o presso il fondo di tesoreria dell’Inps, per percepire la liquidazione in caso di licenziamento.

Il buona sostanza il lavoratore potrà decidere da quale ente e la percentuale del pagamento TFR che desidera.

Il pagamento TFR è soggetto a tassazione. Per ottenere il valore reale è necessario sottrarre dal TFR annuale le tasse TFR, rappresentate dell’aliquota Ipef corrispondente al proprio scaglione di riferimento.

E’ possibile tenere sotto controllo la variazione della somma del trattamento di fine rapporto costantemente. Ogni mese, infatti, è possibile verificare nell’apposita voce il TFR in busta paga.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.