Anticipo TFR chi non può richiedere il trattamento di fine rapporto 


Anticipo TFR chi non può richiedere il trattamento di fine rapporto 




Il TFR rappresenta per molte persone un sostentamento importante quando per un qualsivoglia motivo si interrompe un rapporto di lavoro. Inoltre è possibile per alcune categorie di lavoratori richiedere l’anticipo TFR in caso di spese improvvise. Si ha accesso al pagamento TFR se il lavoratore arriva al pensionamento, per la chiusura del contratto, le dimissioni o licenziamento.

La somma spettante al lavoratore può cambiare in base a molte variabili le più importanti sono certamente gli anni di servizio ed il ruolo ricoperto all’interno dell’azienda.

Anticipo TFR pagamento, come chiederlo

Il lavoratore, in caso di spese urgenti o impreviste, può contare sulla possibilità di richiedere un anticipo sul TFR. E’ possibile procedere solo se si ha un’anzianità lavorativa di almeno 8 anni e se  l’anticipo non può superare il 70% del TFR accumulato al momento della richiesta.

Ovviamente l’ancitipo del pagamento TFR può avvenire solo per alcune categorie di spesa, nella fattispecie per spese sanitarie per interventi straordinari riconosciuti dalle strutture sanitarie pubbliche o private, per l’acquisto della prima casa per sé e per i figli, per le spese sostenute in caso di congedo facoltativo per maternità e per le spese durante i congedi per la formazione extralavorativa.




E’ possibile verificare lo stato di avanzamento del TFR in busta paga. Ogni mese, infatti, il datore di lavoro deve versare una quota apposita per il trattamento di fine rapporto.

Tasse TFR ecco quanto si paga

Il pagamento TFR è soggetto a tassazione. Per avere il volare preciso è necessario calcolare il TFR
lordo
, facendo la somma delle quote messe da parte in un anno lavorativo. Successivamente si divide il
TFR complessivo, per il numero di anni e si moltiplica il risultato che abbiamo ottenuto per i 12 mesi di
lavoro del dipendente, ottenendo così il TFR annuale.

Dal TFR annuale, vanno sottratte le tasse TFR, rappresentate dell’aliquota IRPEF corrispondente al proprio scaglione di riferimento, otterremo così il TFR netto.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.