Disoccupazione 2018 quando si perde il sussidio   


Disoccupazione 2018 quando si perde il sussidio   




La Naspi 2018 spetta di diritto a tutti coloro che sono diventati disoccupati in modo involontario. Questo significa che tali lavoratori hanno avuto un licenziamento o semplicemente non gli è stato rinnovato il contratto di lavoro. È sapere prima di tutto come fare domanda disoccupazione 2018 per iniziare le pratiche.

La disoccupazione 2018 ha una durata di due anni e viene calcolata in base ai contributi versati negli ultimi quattro anni, suddividendo il tutto per le settimane lavorative e moltiplicando il risultato per il coefficiente 4,33.

In altre parole, il pagamento di disoccupazione corrisponde a circa la metà delle settimane lavorative degli ultimi quattro anni. Per questo motivo, la disoccupazione non andrà mai a durare più di due anni (considerando che sono la metà delle settimane dei quattro anni lavorativi). Detto questo, dopo i due anni di disoccupazione si smetterà di ricevere il sussidio.

Quando si perde il sussidio di disoccupazione 2018

Anche se si possa pensare che se si ottiene un nuovo lavoro si perde la disoccupazione, non è esattamente così. Se nell’impiego che si ottiene è compreso uno stipendio che risulta inferiore a 8145 €, si può mantenere il sussidio Naspi fino alla fine della sua durata senza complicazioni.




Detto questo, finché si rimane sotto questa soglia, la Naspi verrà ricevuta fino alla scadenza del contributo (quindi fino a 24 mesi). Appena la soglia verrà superata, la Naspi procederà a togliere il sussidio di disoccupazione.

Un caso analogo riguarda i lavoratori a collaborazione esterna. In questo caso, la soglia è inferiore (si considerano 4800 € all’anno) e, in questi casi, il lavoratore necessita di portare all’Inps un’autodichiarazione dove specifica l’importo della propria retribuzione di lavoro. Senza dichiarazione non si ha più diritto alla disoccupazione, anche se il reddito totale annuo è inferiore ai 4800 €.

Può anche succedere che non si accetti un altro lavoro che ci è stato proposto da enti come centri per l’impiego o simili. Detto questo, se non si accettano lavori proposti dall’Inps, dai centri per l’impiego o da patronati locali (che, solitamente, sono proposte che superano gli 8000 € l’anno), si perde automaticamente lo stato di disoccupazione.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.