Contratto badante convivente, come funziona il contratto di lavoro


Contratto badante convivente, come funziona il contratto di lavoro




Avere una badante che abbia un contratto è fondamentale al giorno d’oggi per gli anziani, questo perché possono essere assunte solo persone che hanno un certo grado di conoscenze ed esperienze nel settore. Il contratto badante convivente non è singolo, ce ne possono essere di vari tipi e successivamente li vedremo insieme. Per tutti gli anziani mantenere una vita dignitosa non è sempre facile, molti di loro non possono rimanere nelle proprie case o non possono sentirsi autonomi ma ad oggi grazie a questa nuova tipologia di contratti badanti è stato possibile risolvere un grande problema.

Contratto badanti convivente: come può essere utilizzato

La tipologia di contratto badanti o contratto di lavoro domestico, può essere utilizzato solo ed esclusivamente per l’assunzione diretta delle badanti conviventi. Il contratto può essere inoltre stipulato o dalla famiglia dell’assistito, da un’agenzia interinale o dall’assistito stesso. Ci sono però ovviamente delle variazioni in base al tipo di stipulazione del contratto badanti che sono state date dal CCNL con una serie di voci che vanno contrattate tra le due parti.

Ci sono diverse mansioni e diversi livelli di inquadramento all’interno dei contratti badanti, e ad ogni tipo di questi, corrispondono dei diversi trattamenti normativi, economici e giuridici. I livelli sono A, B, C e D e possono essere suddivisi a loro volta in livelli semplici o super.

Contratto badanti convivente: livelli e mansioni da effettuare

Ad esempio nel livello A e A super del contratto badanti, si fa riferimento a persone che non hanno esperienza o che ne hanno davvero poca, quindi non superiore ai 12 mesi e questi dovranno svolgere dei compiti sotto il diretto controllo del datore di lavoro stesso, quindi l’assistito o la famiglia.  Nel livello B si parla di lavoratori con esperienza superiore ai 12 mesi, che hanno quindi esperienza e possono lavorare anche singolarmente grazie alle esperienze pregresse.




L’assistenza alle persone anziane

Per quanto riguarda invece l’assistenza e alla cura di persone non sanitaria, c’è il livello B super che
prevede mansioni riguardo alla pulizia della casa, quindi assistenza di persone che sono autosufficienti.
Il livello C super invece include un contratto badanti per coloro che hanno specifiche caratteristiche
professionali anche senza diploma, che possono quindi essere autonomi ed essere inquadrati per
persone non autosufficienti, svolgendo mansioni di pulizia e mantenimento della casa.

Il livello D super è quello che è utilizzato per un contratto badanti di persone che hanno un diploma e
quindi hanno un’esperienza specifica nell’assistenza di persone non autosufficienti. La formazione per
questo livello è fondamentale in quanto consente di poter acquisire le caratteristiche adatte per lo
svolgimento delle attività di assistenza. Le ore di formazione inoltre per un contratto badanti non
devono essere inferiori a 500 ore.




3 Commenti

  1. Complimenti per l’articolo è davvero utile e contiene informazioni molto esaustive. C’è ancora tanta confusione nell’organizzazione del nostro lavoro. Sapete ho trovato informazioni altrettanto valide, riguardo i contratti per badanti, le mansioni e i livelli di inquadramento nel sito operatorisalute.it.

  2. Ciao. Lavoro come badante fisa giorno e notte e me hanno fatto un contratto di lavoro come categoria,,b super,,di 7 ore al giorno 40ore. E giusto così? Grazie.

  3. Ciao. Lavoro come badante fisa giorno e notte e me hanno fatto un contratto di lavoro come categoria,,b super,,di 7 ore al giorno 40ore. E giusto così? Perché se Facio 24ore su 24 nel contratto hanno meso solo 7.?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.