Busta paga, come si legge e cosa sono tutte le voci


Busta paga, come si legge e cosa cono tutte le voci




Gran parte dei lavoratori italiani si chiede quale sia il modo giusto di leggere la busta paga. Sono tante le voci che la compongono e in alcuni casi risulta quanto mai complicato il calcolo della retribuzione. La busta paga è il documento ufficiale che il datore di lavoro consegna ogni mese ai propri dipendenti dove viene riportato l’importo della retribuzione percepita, generalmente riferito al mese precedente di lavoro.

Busta paga voci: ecco come leggerle

Come detto in precedenza, la busta paga contiene diverse voci, che in alcuni casi possono disorientare il dipendente. Le prime da esaminare sono lo stipendio lordo e netto, il mese di retribuzione, con il quale viene specificato il periodo al quale si riferisce la busta paga stessa. Ma sarà anche possibile controllare il TFR accantonato.
Il minimo contrattuale indica la paga base che spetta al lavoratore, la contingenza, gli straordinari, le ferie, la tredicesima mensilità e la quattordicesima, sono le voci più semplici da leggere e analizzare.

Successivamente sono presenti i codici identificativi dell’azienda, nello specifico il numero di posizione INAIL e numero di posizione INPS .
Nella sezione dedicata ai dati del lavoratore troviamo i dati anagrafici dello stesso: nome, cognome, codice fiscale. Una voce presente in busta paga è interamente dedicata ai dati previdenziali ovvero la posizione INAIL e INPS.

Bonus Renzi e altre voci

Infine sono presenti in busta paga il numero di matricola aziendale, la data di assunzione o cessazione
del contratto, il tipo di CCNL, la qualifica, le mansione e il livello. Si tratta di dati che servono per il
calcolo della busta.




Da alcuni anni si è aggiunta una nuova voce sulla busta paga: bonus Renzi. Si tratta di un credito Irpef
di 80 euro erogato in busta paga dal datore di lavoro ed è strettamente correlato all’importo erogato.
Nonostante tradizionalmente viene consegnata a mano o tramite spedizione postale, negli ultimi anni si
è diffusa molto la busta paga online. L’invio può avvenire, quindi, tramite PEC o email ordinaria. C’è,
inoltre, la possibilità di consegnare la busta paga online tramite pubblicazione sul sito web aziendale,
ovviamente nell’area riservata al lavoratore.