Doppio contratto di lavoro, è possibile averlo e cosa comporta?


Doppio contratto di lavoro, è possibile averlo e cosa comporta?




Molti sono i casi in cui si sente parlare di duplici impieghi, ma come è possibile renderli regolari a tutti gli effetti? La nuova normativa sul lavoro ha esposto i canoni da rispettare se si vuole svolgere un doppio lavoro part time o due diverse attività con contratti di lavoro a tempo determinato.
Se si ha un lavoro a tempo determinato, lo si può conciliare con un altro lavoro a tempo determinato senza particolari problemi. Si può anche avere un lavoro a tempo determinato ed essere un lavoratore autonomo che possiede una partita Iva (o effettua prestazioni occasionali).

Tuttavia, ci sono alcune piccole problematiche da affrontare, come ad esempio la concorrenza sleale e, ovviamente, riuscire rendere gli orari compatibili fra loro. Vediamo nello specifico come può esser possibile gestire il tutto senza particolari problemi.

Doppio lavoro part time: come potersi autogestire

Spesso si necessità di un impiego ulteriore rispetto al lavoro part time standard che si possiede già, semplicemente perché si necessita di introiti maggiori o desideriamo far maturare un altro tipo di professione, magari da libero professionista.
È opportuno, tuttavia, considerare eventuali concorrenze sleali. Facendo un semplice esempio, se si lavora in un negozio di giocattoli, per legge è vietato lavorare in un altro negozio concorrente o magari effettuare vendite di giocattoli da lavoratore indipendente.

Può succedere anche che una determinata azienda non permetta ai propri dipendenti di avere altri contratti (magari per motivi di tassazione del doppio lavoro part time) e, di conseguenza, non poter avere due lavori contemporaneamente. Questo, ad ogni modo, cambia da impresa a impresa e per questo è opportuno conoscere bene le leggi da rispettare all’interno del proprio posto di lavoro.




Altro piccolo problema riguarda il limite delle ore lavorabili durante la settimana. Per un lavoro full
time
, il limite massimo è di 48 ore. Detto questo, se si ha un doppio lavoro part time, è opportuno
attenersi a tale limite, altrimenti si necessita di compensare lavorando meno ore nelle settimane
seguenti (considerando il cosiddetto “riposo compensativo”).
In sintesi, è possibile avere un doppio lavoro part-time, sempre se si rispetta la normativa sul lavoro
e le leggi e statuti all’interno dei luoghi in cui si lavora. Così facendo, si possono avere due impieghi
lavorativi legali a tutti gli effetti.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.