Contratti di lavoro, cosa cambia nel 2018. Quello che c’è da sapere


Contratti di lavoro, cosa cambia nel 2018. Quello che c'è da sapere




Con le nuove disposizioni del recente Jobs Act, ci sono stati alcuni cambiamenti per quanto riguarda alcune tipologie di contratto di lavoro. Le metamorfosi dei contratti di lavoro 2018 si basano tuttavia non solo sul Jobs Act stesso, ma anche sul decreto 81/2015, in cui viene esplicato un riordino dei contratti, specificando quali sono le tipologie “vittima” di tale decreto.

Dopo l’entrata in vigore delle leggi esposte dal Jobs Act, anche altri decreti sono stati rianalizzati. Tali decreti riguardano la razionalizzazione (ma soprattutto semplificazione) delle procedure formali per i contratti di lavoro ed il riordino delle loro normative principali.

Tuttavia, nel decreto 81/2015 rientrano tutti gli aspetti fondamentali da considerare e tutte le informazioni necessarie per quanto riguarda i contratti a tempo indeterminato e determinato, i contratti a chiamata, il contratto e di prestazione occasionale ed altri tipi di contratto (come i contratti d’apprendistato, part-time e di somministrazione).

Contratti 2018: le novità del Jobs Act

I contratti di lavoro 2018 hanno portato alcuni cambiamenti per i contratti a chiamata soprattutto per quanto riguarda la loro durata. Infatti, un contratto a chiamata non può durare più di 400 giorni, a meno che non si abbia a che fare con mansioni riguardanti spettacolo, turismo o receptionist di vario tipo.




Per quanto riguarda le novità nei contratti di prestazione occasionale, sono stati introdotti due tipi di voucher nuovi, in risposta a quelli appena tolti nei mesi scorsi. I due tipi sono il Libretto famiglia 2018 (sostanzialmente sono voucher utili per badanti o persone addette a pulizie domestiche) ed i cosiddetti voucher PrestO (un semplice acronimo di “prestazione occasionale”) utilizzati per i pagamenti per i contratti di lavoro occasionale.

I cambiamenti fondamentali apportati per i contratti a tempo determinato riguardano invece la loro
durata e il periodo limite di rinnovo fra un contratto e l’altro. Il contratto a tempo determinato deve
possedere, innanzitutto, una causale che spiega esplicitamente perché si esegue tale contratto e,
inoltre, non deve durare più di 36 mesi. Il tempo massimo per eseguire un rinnovo da un contratto
scaduto risulta di 10 giorni se il contratto dura meno di 6 mesi e di 20 giorni se risulta superiore ai 6
mesi.
Inoltre va ricordato che è possibile per quanto riguarda i contratti a tempo determinato che si possono fare anche due lavori accettando il doppio contratto di lavoro a parte che si rispettino le normative di legge.

Il contratto a tempo indeterminato, il più ambito dagli italiani

Se tali leggi non vengono rispettate, il contratto diventa a tempo indeterminato ed anche quest’ultima
tipologia di contratto, a sua volta, ha subito alcuni piccoli cambiamenti, come ad esempio la
semplificazione dell’indennità di licenziamento o il demansionamento. Quest’ultimo è inteso come il
diritto del datore di lavoro a dare mansioni inferiori (o superiori) ai propri dipendenti, sostanzialmente
per motivi di organizzazione aziendale. Ricordiamo inoltre che esiste anche il contratto di apprendistato che permette alle aziende di formare i propri dipendente per poi assumerli in via definitiva.