Lavoro occasionale, quali contratti esistono e come comportarsi


Lavoro occasionale, quali contratti esistono e come comportarsi




Il lavoro occasionale o lavoro accessorio, è conosciuto come quell’attività svolta da individui in modo non abituale, quindi sporadica o saltuaria. Questo tipo di lavoro è però regolamentato in modo diverso rispetto a quello normale, infatti bisogna tenere in considerazione delle particolarità inserite all’interno del Jobs Act. Il contratto che bisogna utilizzare per il lavoro occasionale non è uno in particolare, questo perché dipende sempre dal tipo di prestazione che deve svolgere il lavoratore.

Lavoro occasionale Inps oneri e doveri

Il contratto di lavoro accessorio consente di rendere tutto più chiaro, non solo da parte del lavoratore, ma anche del datore di lavoro. Nella legge 96/2017 art. 54 bis, sono stati introdotti i contratti di prestazione d’opera e nuovi contratti Libretto di famiglia o PrestO.
Quando ci si riferisce al lavoro occasionale, bisogna considerare 3 tipi di contratti fondamentali. Il primo è il contratto di prestazione d’opera, ovvero ex art. 2222 c.c. Questo viene utilizzato quando si fa riferimento ai rapporti con lavoratori autonomi e spesso viene associato alla prestazione occasionale con un limite massimo di 5000 € di reddito annuale.

In realtà non ci sarebbero limiti ma tutto questo è stato fatto solo per non superare la soglia per l’obbligatoria iscrizione alla Gestione INPS. Con questi tipi di contratto, per il lavoratore non è necessario aprire una partita IVA, basterà emettere una ritenuta d’acconto del 20% e includere la somma di reddito percepita per la prestazione.

Il secondo tipo di contratto di lavoro accessorio è quello conosciuto con il nome di PrestO, introdotto per sostituire i voucher. Quest’ultimo si può utilizzare solo quando si tratta di rapporti di lavoro occasionale subordinato e per poterlo attuare non bisogna avere più di 5 lavoratori subordinati alle dipendenze, non bisogna essere imprese edili ed agricole ed in più non si può utilizzare il contratto di prestazione occasionale PresO quando ci si riferisce ad appalti o servizi.




I limiti del contratto di lavoro occasionale

Il limite di questo contratto di lavoro occasionale prevede che il lavoratore non superi i 2500 € di
reddito per ciascun datore di lavoro, quindi se si hanno due datori di lavoro il reddito non può
superare i 5000 €. La paga non deve essere inferiore ai 39 € al giorno e meno di 9 € l’ora. Il datore di
lavoro inoltre, si dovrà impegnare a versare i contributi INPS al 33%, oneri INAIL al 3,5% e i costi di
gestione 1%, quindi il compenso del lavoratore incrementato del 37,5%.

L’ultimo tipo di contratto di lavoro occasionale è quello con il Libretto di famiglia che può essere
utilizzato solo ed esclusivamente per i piccoli lavoratori, lavoratori domestici, per assistenza ai deboli e
insegnamento privato supplementare. Ogni ora di lavoro non può essere retribuita meno di 10 € lordi,
i limiti di reddito sono gli stessi del tipo di contratto PrestO, se questi non sono rispettati, il lavoratore si
trasforma automaticamente in lavoro dipendente a tempo indeterminato. Un’alternativa a questo
contratto di lavoro accessorio è quello di lavoro domestico.




1 Trackback / Pingback

  1. Contratti di lavoro, cosa cambia nel 2018. Quello che c'è da sapere

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.