Sciopero taxi, Codacons: vogliono bloccare il futuro del paese


Sciopero taxi, Codacons: vogliono bloccare il futuro del paese

L’odierno sciopero dei taxi è l’ennesimo ricatto dei tassisti che vogliono bloccare il futuro del paese impedendo la liberalizzazione a favore degli utenti. Lo afferma il Codacons, commentando la protesta indetta per oggi dalle auto bianche.
Attraverso tali manifestazioni di protesta viene attuato un ricatto allo Stato che finisce per danneggiare unicamente i cittadini, fruitori ultimi del servizio – spiega l’associazione – Ancora una volta i tassisti vogliono difendere l’inaccettabile sistema delle licenze tramandate di padre in figlio o vendute a prezzi astronomici, impedendo che il settore si sviluppi e migliori attraverso le nuove possibilità offerte dalla tecnologia.
Uno sciopero del tutto sbagliato per il Codacons, che se porterà a blocchi stradali o ad altri problemi di ordine pubblico come avvenuto in passato, farà scattare pesanti denunce da parte dell’associazione verso i tassisti e le organizzazioni che li rappresentano.
Il nostro invito ai cittadini è a non a piegare la testa e ad utilizzare in massa bus, tram e metro per gli spostamenti, scelta che migliorerà anche la qualità dell’aria nelle città grazie all’assenza di auto bianche per le strade – conclude il Codacons.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*